Le matrici visive, si utilizzano per comunicare con l’utilizzo di immagini, di simboli grafici e colori, l’insieme delle caratteristiche visive che rappresentano un’idea, i valori o la personalità di un’azienda, il profilo di un consumatore tipo oppure le caratteristiche formali di un prodotto o linea di prodotti. Questo strumento utilizzato prevalentemente dai designers, in quanto esperti di estetica, ha il potere di sintetizzare in un “colpo d’occhio” una grande quantità d’informazioni.

Nel design vengono spesso utilizzate come linee guida, per creazione di nuovi linguaggi visivi (immagine1), oppure come modelli di studio per la differenziazione delle linee di prodotto all’interno di un portafoglio complesso (immagine2).

Immagine
Per comporre una matrice visiva utile ed efficace bisogna seguire alcuni passi:

  1. Determinare chi è il fruitore della matrice. Imprenditori, designers o direttori marketing hanno competenze e interessi differenti. Ogni persona focalizza l’attenzione su aspetti più semplici da valutare e su cui esprimere un’opinione.
  2. Definire con chiarezza le parole chiave ed il loro significato, per la ricerca delle immagini.
  3. Essere specifica ed originale.  Evitare la banche immagini disponibili sul web che a seconda delle parole inserite nella ricerca propongono sempre le stesse immagini.
  4. Non utilizzare troppe immagini ed evitare con la stessa matrice di comunicare troppe informazioni.

Immagine

Annunci